Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - Lunedi 5 novembre, in una dolce serata d'autunno, presso la storica e centralissima sede del circolo di Roma dell'Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba, si è svolto un affollato incontro con Roberto Gonzalez, uno degli avvocati del collegio di difesa dei Cinque cubani ingiustamente ancora reclusi negli USA.

Roberto Gonzalez, che è il fratello di uno dei Cinque (Renè), tornava da Atlanta dove si sta svolgendo attualmente il processo, dopo che è stata annullata la sentenza pronunciata dal tribunale di Miami, evidentemente per "legitima suspicione".

A suo avviso da un punto di vista processuale le cose forse non si risolveranno in tempi brevissimi ma, vista l'inconsistenza delle accuse nonchè la grande e importantissima solidarietà espressa da gruppi di vari Paesi e all'interno degli stessi Stati Uniti, la sentenza del Tribunale della Georgia dovrebbe essere sicuramente favorevole ai Cinque cubani.

Durante il dibattito, poi, che è seguito, è emersa la convinzione, tra tutti gli intervenuti, che "Los Cinco" sono la migliore testimonianza dell' "Hombre Nuevo" di cui parlava Ernesto Che Guevara e dimostrano come una società, quale quella cubana, che abbracci gli ideali socialisti, possa contribuire a creare esseri umani leali, solidali e altruisti.

M. Papacci e R. Gonzalez, Sede Circolo - Roma, 05/11/07Incontro con R. Gonzalez, Sede Circolo - Roma, 05/11/07Incontro con R. Gonzalez, Sede Circolo - Roma, 05/11/07R. Gonzalez, Sede Circolo - Roma, 05/11/07Incontro con R. Gonzalez, Sede Circolo - Roma, 05/11/07M. Papacci e R. Gonzalez, Sede Circolo - Roma, 05/11/07