Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - Il teatro Brancaccio, nel centro di Roma, 1300 posti e tutto esaurito, ha ballato al ritmo della conga che, per tutta la sala, ha unito artisti e spettatori nell'atto di chiusura delle Giornate della Cultura cubana in Italia.

L'evento, patrocinato dall'Ambasciata di Cuba in Italia, è stato organizzato dal Progetto Timbalaye, diretto dai maestri Irma Castillo e Ulises Mora, membri onorari dell'Associazione “Hermanos Saíz”, i quali, grazie anche all'associazione Clave di Son, contribuiscono da più di 15 anni, alla diffusione della cultura cubana in Italia.

Lo spettacolo è stato un incessante susseguirsi di ritmi cubani, che per un'ora e mezza ha ricreato, in un'ampia panoramica, la genesi della cultura cubana.

Allo spettacolo hanno partecipato artisti cubani residenti in Italia, come il gruppo Septeto Naborì e artisti cubani come il ballerino Guillermo Valdes Campanioni, residente a Tolosa, in Francia, e il cantante e percussionista Julio Davalos, residente in Svezia, così come artisti italiani, tra i quali Giovanni Imparato e il suo gruppo Tammumba.

La serata è stata dedicata al Comandante en Jefe Fidel Castro il quale, non appena è stato menzionato da Ulises Mora, organizzatore dell'iniziativa, ha ricevuto gli scroscianti applausi dei presenti.

L'evento, nella conclusione affidata all'Ambasciatore di Cuba in Italia, Rodney López Clemente, è stato definito, "il ricordo di quel momento della storia cubana, quando nell'anno 1868, nella città di Bayamo, fu cantato per la prima volta,quello che più tardi, durante la Prima Guerra Indipendenza, sarebbe diventato l'inno nazionale di Cuba".

"Questo giorno, che corrisponde al 20 di Ottobre, è stato scelto, dopo il trionfo della Rivoluzione, per celebrare il Giorno della Cultura Cubana".

Il diplomatico cubano ha poi ringraziato tutti gli artisti cubani e italiani e gli organizzatori che hanno preso parte alla giornata conclusiva affermando una volta ancora che “la cultura è una delle forme della coscienza sociale nelle quali si riconoscono e identificano gli uomini e i popoli”.

All'iniziativa culturale ha partecipato, tra gli altri, Luigi Nieri, vicepresidente aggiunto della Regione Lazio, vari funzionari della rappresentanza diplomatica cubana in Italia e i loro familiari, così come quelle di Angola e Repubblica Popolare del Congo, scuole di ballo e membri della solidarietà con Cuba a Roma.

Teatro Brancaccio - Roma, 31/10/2009Teatro Brancaccio - Roma, 31/10/2009Rodney Lopez e Patrizia Petriaggi, Teatro Brancaccio - Roma, 31/10/2009Irma Castillo e Ulises Mora, Teatro Brancaccio - Roma, 31/10/2009