Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - Il Comitato Italiano Giustizia per i Cinque ha rinnovato i suoi organi dirigenti e ha deciso di rilanciare la sua attività in solidarietà con i Cinque cubani prigionieri negli USA, con un primo importante incontro-dibattito nazionale.

A tal proposito, sono stati invitati in Italia la nota giornalista cubana Arleen Rodriguez, Olga Salanueva moglie di Renè Gonzalez e Adriana Perez moglie di Gerardo Hernandez, due dei Cinque antiterroristi cubani, i quali sono ormai da 12 anni prigionieri nelle carceri statunitensi colpevoli solo di aver difeso il loro paese dalle azioni criminali delle organizzazioni terroristiche radicate negli USA.

Nella bellissima cornice della Casa della Pace nel popolare quartiere di Testaccio cittadini e militanti di varie organizzazioni della solidarietà si sono riuniti per ascoltare “Le verità di Cuba“ su un caso che i massmedia volutamente continuano a ignorare.

Il dibattito è stato introdotto dal Vice presidente del Comitato Luciano Vasapollo che oltre a portare i saluti delle tante associazioni di solidarietà e l'appoggio ai processi del socialismo del ventunesimo secolo che stanno realizzando i popoli e i governi di Cuba, Venezuela , Bolivia e di altri paesi dell'America Latina, ha presentato le nuove iniziative di lotta e i compiti unitari che il rinnovato Comitato si prefigge, ricordando l’importanza e la forte valenza politico-culturale della campagna per la libertà dei Cinque che nel contesto attuale assume il carattere centrale di battaglia generale di libertà e di solidarietà con l' autodeterminazione dei popoli e perciò va ancor più apprezzato il grande spirito unitario espresso da tutto il nuovo gruppo dirigente del Comitato stesso.

In sala erano presenti vari rappresentanti del Corpo diplomatico cubano, tra cuil’importante presenza dell’Ambasciatore di Cuba presso il Quirinale Rodney Lopez Clemente e dell’Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela Luis Josè Berroteràn Acosta.

Vari giornalisti e dirigenti di partiti,organizzazioni e associazioni della sinistra hanno presenziato all’incontro.

La giornalista Arleen Rodriguez e di seguito Olga Salanueva e Adriana Perez hanno evidenziato le continue e gravi ingiustizie a cui sono state sottomesse dai vari governi degli Stati Uniti da circa 12 anni a questa parte e le battaglie che si svolgono in tutto il mondo per far conoscere il caso dei Cinque e le lotte per la loro liberazione, infine con un appello di forte rilevanza politica, umanitaria e con un sentito coinvolgimento emotivo di tutti i presenti hanno invitato il Comitato a continuare le lotte e l'iniziativa politica e culturale per rispondere alle falsità e rompere quel muro di silenzio che gli USA con la complicità di quasi tutti i mass media dei paesi capitalisti hanno innalzato su questo caso.

Haidi Gaggio Giuliani, neo presidente del Comitato Italiano Giustizia per i Cinque, ha tirato le conclusioni di questo partecipato, interessante ed emozionante incontro affermando di sentirsi onorata di presiedere il Comitato stesso e di dare il massimo contributo unitario a questa battaglia.

Si è soffermata sulle menzogne che circondano non solo il caso dei Cinque, ma anche quello che è successo al G8 di Genova nel 2001 e non ultimo le menzogne che hanno scritto i vari giornali sull’assalto da parte delle forze israeliane contro una nave di pacifisti che ha visto la morte di otto di questi.

Nella parte finale delsuo intervento Haidi si è detta pessimista sui percorsi della Sinistra italiana ma determinata e ottimista per la battaglia unitaria che si saprà rilanciare per liberazione dei Cinque.

Luciano Vasapollo infine ha voluto ricordare la nuova composizione degli organi direttivi del Comitato Italiano Giustizia per i Cinque, i compiti di coordinamento e le prossime iniziative che il Comitato sta organizzando in sintonia con le campagne internazionali di valenza ormai tutta politica per giungere alla liberazione dei nostri cinque fratelli cubani.

L’incontro si è concluso con alcune domande da parte del pubblico presente e con un rinfresco finale offerto dagli organizzatori.

Locandina iniziativa, Casa della Pace - Roma, 08/06/2010