Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - L'attacco al processo rivoluzionario in Venezuela ha immediatamente provocato varie manifestazioni di solidarietà popolare. Appelli, raccolte di firme, sit in anche fuori dall'America Latina.

A Roma decine di attivisti su iniziativa della Rete No War, dell'associazione Italia Cuba e di formazioni della sinistra si sono recati all'ambasciata del Venezuela con cartelli di benvenuto a Maduro e di ricordo per il presidente Chávez; li ha accolti, in camicia rossa bolivariana, l'ambasciatore Julian Isaías Rodríguez Diaz - uno dei protagonisti della resistenza al golpe del 2002 a Caracas.

A Napoli oggi pomeriggio raduno al Parco Virgiliano.
A Barcellona l'Assemblea bolivariana di Catalogna si è riunita davanti al consolato venezuelano, per dire «no al cop d'estat».
In America Latina si è pronunciato in favore di Maduro il Foro di San Paolo, coordinamento di decine di parti di sinistra.
In Argentina un nutrito gruppo di attivisti ha consegnato all'ambasciata venezuelana un documento di appoggio firmato da duecento organizzazioni.
A Cuba si svolge oggi una cerimonia davanti alla statua di Simon Bolivar.
La rete mondiale degli intellettuali e artisti in difesa dell'umanità sta raccogliendo migliaia di firme di appoggio a Maduro.

La stessa solidarietà viene espressa da gruppi di donne e partiti in Guatemala, Perù, El Salvador, Colombia e ovviamente nei paesi che con il Venezuela e Cuba aderiscono dell'Alleanza Alba: Bolivia, Ecuador, Nicaragua.

Da: Il Manifesto 2013.04.19 - INTERNAZIONALE

Ambasciata del Venezuela - Roma, 14/04/13Ambasciata del Venezuela - Roma, 14/04/13Ambasciata del Venezuela - Roma, 14/04/13Ambasciata del Venezuela - Roma, 14/04/13