Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - Presso il CSOA Spartaco si è tenuta l'iniziativa "Sport diritto del popolo – Omaggio a Teofilo Stevenson e alla boxe cubana" organizzata dal Circolo di Roma e Palestra Popolare Quadraro.

Sullo sfondo della mostra fotografica "L’internazionalismo cubano nel mondo", i numerosi presenti accorsi hanno potuto assistere alla proiezione del documentario "Un racconto sulla boxe (viaggio con Teofilo Stevenson)" di Alessandro Angelini, incentrato sulla figura del più grande pugile dilettante di tutti i tempi che dal 1972 al 1980 è riuscito nell'impresa unica di vincere per tre volte la medaglia d'oro olimpica dei pesi massimi.

Al centro del filmato l'amore per la sua terra e per il suo popolo, il ricordo della rivoluzione, l'incontro con Muhammed Alì che non venne mai disputato, il ritratto tra presente e passato del pugile che fece della sua nazionalità una bandiera rifiutando, in nome dei principi della rivoluzione castrista, di passare al professionismo.

Indimenticabile la risposta di Stevenson a chi lo tentava con offerte milionarie per indurlo ad abbandonare la patria e a trasferirsi negli USA, infliggendo così uno smacco all’odiatissima Cuba: «Cosa valgono cinque milioni di dollari, quando ho l'amore di otto milioni di cubani?».

A seguire si è tenuto un dibattito sul tema "Lo sport così come dovrebbe essere: per tutti e di tutti", coordinato da Fabrizio Aramini del CSOA SPARTACOcon la partecipazione di Isamary Gonzales consigliere economico dell'Ambasciata di Cuba, Alfredo Bruno del Comitato Regionale del Lazio della FPI, Roberto Iandolo del Circolo di Roma, Valerio Tassari della Palestra Popolare Quadraro  e Paolo Ariottti della Palestra Popolare San Lorenzo.

Durante i loro interventi gli ospiti hanno evidenziato la valenza dello sport come strumento di riscatto sociale che può ridare dignità, valori e sogni, sottraendo spazi a degrado e povertà, partendo dall'approccio di Cuba dove l'attività sportiva a Cuba è garantita a tutti, ed è gratuita, come l'istruzione e la sanità, per arrivare alle Palestre Popolari di Roma che diventano un’alternativa reale all’abbandono culturale in cui le periferie si trovano, in maniera autogestita e troppo spesso senza l’aiuto delle istituzioni.

La serata è proseguita con una cena popolare e con il concerto del Trio Jelengue che ha fatto ballare i presenti sui trascinanti ritmi cubani.

Locandina iniziativa, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15Omaggio a Teofilo Stevenson, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15Omaggio a Teofilo Stevenson, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15Omaggio a Teofilo Stevenson, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15Omaggio a Teofilo Stevenson, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15Omaggio a Teofilo Stevenson, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15Omaggio a Teofilo Stevenson, CSOA Spartaco - Roma, 28/11/15