Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - Alla Casa Internazionale delle Donne di Roma si è svolto un memorabile incontro, dal titolo "Resistenza e Rivoluzione: storie di lotta al femminile", incentrato sul ruolo delle donne durante la Resistenza e durante la Rivoluzione cubana.

Nella sala, davanti ad un folto pubblico, Catia Funari del Circolo di Roma ha dato il benvenuto alle ospiti presenti: l'Ambasciatrice di Cuba in Italia Alba Soto Pimentel, la staffetta partigiana Luciana Romoli, il generale delle Forze Armate Cubane ed eroina della Repubblica di Cuba Tetè Puebla e la giornalista e scrittrice Geraldina Colotti.
Prima dell'inizio della serata è stato proiettato un emozionante video che ricordava la Resistenza, con sottofondo musicale di Bella Ciao, e la Rivoluzione Cubana con l'inno del 26 de julio.

La compagna Funari, dopo aver ricordato il lavoro della nostra Associazione e il ruolo delle donne nella Resistenza e nella Rivoluzione Cubana, ha dato la parola all'ambasciatrice di Cuba che ha portato il saluto del corpo diplomatico a tutti i presenti ed in particolare alle prestigiose ospiti, sottolineando l'importanza delle donne, non solo nella vittoria dei barbudos nel 1959, ma anche nella Cuba di oggi.

Geraldina Colotti ha quindi rivolto una serie di domande alle due illustri ospiti sul ruolo che ambedue, in circostanze ed epoche diverse, hanno ricoperto nei rispettivi paesi.

Tetè Puebla ha affascinato i numerosi presenti raccontando la sua storia, durante la quale ha più volte rimarcato il fondamentale ruolo avuto nella Rivoluzione dalle donne, come per esempio Celia Sanchez Manduley, Wilma Espin e il battaglione, tutto al femminile, "Mariana Grajales",  che per un breve periodo ha protetto Fidel Castro nella Sierra Maestra.

Tra i numerosi aneddoti raccontati riguardanti, tra gli altri, Che Guevara, Camilo Cienfuegos e Frank Pais, molto significativo quello in cui ha descritto di come, su ordine del Comandante Fidel Castro, consegnò alla Croce Rossa Internazionale, durante la guerriglia, oltre cento soldati batistiani catturati dall'esercito ribelle.

La rivoluzionaria cubana ha proseguito ribadendo con forza come la gioventù cubana e le donne giocano un ruolo fondamentale nella società odierna dell'Isola ed ha ringraziato Fidel e Raul che da sempre ne difendono i diritti.

Infine, ha affermato con orgoglio che un popolo che perde la sua storia, perde la sua identità, ma ciò non avverrà mai nella sua patria perchè i cubani sono decisi a mantenere una società e una rivoluzione socialista.

Un lungo e prolungato applauso ha accompagnato l'intervento di questa piccola grande donna.

E' stata poi la volta della staffetta partigiana Luciana Romoli, che ha catturato il pubblico presente con la sua forza e il suo intatto spirito combattivo.

Con viva commozione, ha ricordato episodi della sua gioventù e le violenze che subivano i partigiani e le partigiane catturati dai fascisti e dalle SS tedesche che occupavano Roma.

Il suo intervento è stato un bellissimo excursus nella storia italiana della seconda metà del '900, dalla lotta partigiana durante la guerra, alla sconfitta del fascismo e l'avvento della Repubblica, dalle battaglie e le conquiste del movimento femminista al ruolo delle donne nel PCI.

Alla domanda rivoltagli dal pubblico sull'azione di Via Rasella, la Romoli non ha esitato un istante ad affermare che è stata una azione di guerra giusta decisa dal PCI e dal CLN e che lei continuava a rivendicarla con onore.

Infine, ha esortato le giovani generazioni a tenere viva la memoria ed a non arrendersi in un momento cosi critico per l'odierna società italiana.

Geraldina Colotti, oltre ad intervistare le due ospiti, ha ricordato le numerose battaglie del movimento femminista negli anni '70 e le compagne cadute per difendere quelle conquiste.

A conclusione dell'evento, Tetè Puebla ha consegnato a Luciana Romoli una spilla dell'Associazione dei Combattenti della Rivoluzione Cubana mentre a lei è stata donata la vecchia banderia del PCI.

Il giorno successivo, su sua espressa richiesta, Tetè Puebla, accompagnata dal segretario del circolo di Roma, Marco Papacci e dal Consigliere politico dell'Ambasciata di Cuba Roger Lopez, ha visitato le Fosse Ardeatine rendendo omaggio ai caduti per mano nazista.

Locandina iniziativa, Casa Internazionale delle Donne - Roma, 13/05/16Casa Internazionale delle Donne - Roma, 13/05/16A. Soto e C. Funari, Casa Internazionale delle Donne - Roma, 13/05/16Casa Internazionale delle Donne - Roma, 13/05/16Casa Internazionale delle Donne - Roma, 13/05/16T. Puebla e G. Seminatore, Casa Internazionale delle Donne - Roma, 13/05/16T. Puebla, Fosse Ardeatine - Roma, 14/05/16
Tags: