Seguici su twitter facebook youtube RSS

ROMA - Presso la Libreria Altroquando, nel centro di Roma, Fabrizio Casari, introdotto da Roberto Iandolo del Circolo di Roma dell’ANAIC, ha presentato la sua ultima fatica editoriale intitolata, “Nicaragua, l'ultima rivoluzione”.

Davanti a decine di persone, tra cui Monica Robelo Raffone, ambasciatrice del Nicaragua in Italia, Martha Irene Zuñiga,  suo ministro consigliere e Yadira Trujillo, responsabile dell'ufficio stampa dell'Ambasciata di Cuba in Italia, l'autore ha raccontato come la scrittura di questo libro sia stato un dovere morale nei confronti del paese che gli ha fatto conoscere l'esperienza della Rivoluzione Sandinista non a parole ma con i fatti vissuti in prima persona durante il periodo da lui trascorso in Nicaragua agli inizi degli anni '80.

Nelle sue pagine, il giornalista, attraverso un'approfondita descrizione dei più significativi accadimenti di un processo storico e politico complesso ma dal forte senso paradigmatico, offre una documentata panoramica sulla vicenda storica e politica del Sandinismo, dall'ingresso trionfale a Managua nel 1979, alla sconfitta elettorale del 1990, fino al ritorno al governo nel 2006 dopo sedici anni di opposizione.

Casari è un giornalista professionista che segue da 32 anni le vicende politiche internazionali, con particolare attenzione nei confronti dell’area latinoamericana e caraibica, dove si è spesso recato prima come freelance e poi come inviato del quotidiano Liberazione, di cui dal 1995 al 1998 è stato Capo della Redazione Esteri. Dal 2006 é direttore della testata giornalistica online www.altrenotizie.org