Seguici su twitter facebook youtube RSS
vitadura.it

55 voci, un solo obiettivo: la fine di una ingiustizia che dura da 15 anni

Da 15 lunghi anni, Cinque cittadini cubani, sono prigionieri negli Stati Uniti d'America. La loro colpa, aver vigilato e smascherato le organizzazioni terroristiche che hanno sede in Florida e che hanno provocato oltre 3000 morti e circa 2000 feriti a Cuba dal 1959 in poi.

Dieci Premi Nobel, centinaia di personalità di tutto il mondo, cosi come senatori e deputati di moltissimi paesi, Amnesty International e tante altre organizzazioni hanno chiesto la libertà dei Cinque anti-terroristi.

I terroristi che hanno agito impunemente contro l'Isola, vivono liberi a Miami, tra loro anche Luis Posada Carriles, reo confesso dell'assassinio del nostro connazionale Fabio Di Celmo.

Un muro di silenzio è stato eretto dalle grandi corporazioni dei mass media di tutto il mondo, perchè parlare di questo caso, significherebbe parlare della doppia morale con cui il governo di Washington lotta contro il terrorismo.

Allo scopo di rompere questa indegna omertà, l'Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba ha coinvolto 55 personalità di tutto il mondo realizzando dei video-appelli rivolti al Presidente degli U.S.A. Obama per chiedere la liberazione dei Cinque.

Da Martin Sheen ad Ascanio Celestini, da Angela Davis a Carla Fracci, un coro di voci che chiedono a Barack Obama la liberazione dei cubani ingiustamente incarcerati negli Stati Uniti.

GUARDA I VIDEO SU: vitadura.it