Seguici su twitter facebook youtube RSS

Zelensky: commedia a Davos

Altrenotizie.org - Gio, 18/01/2024 - 19:41

Per la prima volta da quando è stato eletto presidente, Volodymyr Zelensky ha partecipato quest’anno di persona all’annuale appuntamento del World Economic Forum (WEF) di Davos, nelle alpi svizzere. La necessità di incontrare leader politici e “CEO” da parte dell’ex attore comico deriva dalla situazione drammatica delle forze armate del suo paese sul campo di battaglia e, di conseguenza, dal progressivo raffreddamento della classe dirigente occidentale per la causa ucraina. Zelensky ha comunque voluto rilanciare il suo utopistico “piano di pace”, ben sapendo che le possibilità che venga anche solo discusso seriamente sono pari a zero.

A Davos, Zelensky si è rallegrato del fatto che decine di paesi avrebbero manifestato interesse in quella che viene propagandata come una sorta di sua personale “Formula di Pace”. Il sostegno nominale degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali incide tuttavia poco o nulla sulla sostanziale inutilità del progetto stilato da Kiev. Una serie di condizioni assurde e completamente sganciate dalla realtà sul campo, assieme all’assenza della Russia dall’eventuale tavolo delle trattative, rendono vano e illusorio qualsiasi sforzo per trovare una soluzione pacifica al conflitto tramite questo percorso.

Categorie: News

Israele, l’avvertimento di Teheran

Altrenotizie.org - Mer, 17/01/2024 - 21:31

Il governo iraniano ha fatto questa settimana un passo significativo verso il coinvolgimento diretto nel conflitto di portata sempre più vasta che sta infiammando il Medio Oriente a causa della brutale aggressione di Israele contro la striscia di Gaza. Teheran ha infatti risposto tra lunedì e martedì agli attacchi terroristici che nelle scorse settimane avevano provocato oltre cento vittime entro i propri confini, colpendo vari obiettivi in Siria, Iraq e Pakistan.

Se si considera il quadro generale della crisi in corso, l’iniziativa della Repubblica Islamica segna la mobilitazione a favore dei palestinesi dell’ultimo e più importante componente dell’Asse della Resistenza dopo i fatti del 7 ottobre scorso. Oltre a Hamas, sono com’è noto già impegnati contro le forze dello stato ebraico e i suoi più stretti alleati, sia pure con modalità differenti, Hezbollah in Libano, Ansarallah (“Houthis”) nello Yemen e le milizie sciite filo-iraniane in Iraq.

Categorie: News

Trump sbanca l’Iowa

Altrenotizie.org - Mar, 16/01/2024 - 21:00

Il primo appuntamento in calendario per le primarie del Partito Repubblicano americano si è tenuto lunedì sera in Iowa e ha registrato come previsto la nettissima vittoria di Donald Trump. L’ex presidente si prende quindi subito il ruolo di favorito nella corsa alla nomination, mentre i suoi più immediati rivali sembrano ritrovarsi precocemente con pochissime prospettive di successo. Dopo i tradizionali “caucus” che aprono la competizione interna a entrambi i principali partiti negli Stati Uniti, la sfida si sposterà tra una settimana nel New Hampshire, dove i sondaggi danno ancora Trump in vantaggio. Un eventuale bis nello stato nord-orientale darebbe già una direzione molto netta alle primarie repubblicane, lasciando probabilmente come unico ostacolo verso la nomination le svariate cause legali che vedono coinvolto l’ex presidente repubblicano.

Categorie: News

USA-Yemen, incendio nel Mar Rosso

Altrenotizie.org - Lun, 15/01/2024 - 20:06

Nonostante gli Stati Uniti si siano nominalmente adoperati negli ultimi tre mesi per evitare un allargamento del conflitto in Medio Oriente, è stato alla fine proprio il governo di Washington a provocare in maniera diretta un’escalation dello scontro bombardando una serie di obiettivi militari nel territorio yemenita controllato da Ansarallah (“Houthis”). La giustificazione ufficiale è la protezione delle rotte commerciali attraverso il Mar Rosso, ma l’amministrazione Biden, assieme a una manciata di alleati, sta invece di fatto proteggendo e favorendo il genocidio in corso a Gaza per il quale Israele è attualmente alla sbarra davanti alla Corte Internazionale di Giustizia.

Categorie: News

Nicaragua, 17 anni dopo

Altrenotizie.org - Lun, 15/01/2024 - 19:52

Lo scorso 10 Gennaio si sono celebrati diciassette anni dal ritorno al governo del Sandinismo, anni durante i quali si è realizzato il più grande processo di modernizzazione del Nicaragua. I risultati ottenuti sia nelle politiche sociali che a livello macroeconomico, nelle loro cifre generali e di dettaglio, confermano risultati straordinari per un piccolo Paese di poco più di 6 milioni di abitanti, che aveva ereditato debiti e miseria ed è costantemente sotto attacco da parte del gigante del Nord.

Il Sandinismo ha suscitato speranze e ora, chi spera, non guarda più al cielo ma in terra, testimoniando ciò che si è realizzato. Il complesso della modernizzazione del Paese, trasformazione dopo trasformazione, ha avuto un corso incrollabile, con una direzione chiara e non ondivaga: l'estensione dei diritti sociali in termini concreti, con strumenti concreti per goderne.

la società di rilevazioni M&R Consultores ha appena pubblicato il suo ultimo sondaggio sulla soddisfazione dei nicaraguensi nei confronti del governo e del suo leader. I dati sono schiaccianti ma chiedersi perché, dopo 17 anni, il credito popolare nei confronti del governo e del suo presidente sia così alto può sembrare una domanda retorica: quando un governo  consegna terre e case, cioè restituisce il Nicaragua ai nicaraguensi, si capisce che il gennaio 2007 arrivò per cambiare tutto ciò che doveva essere cambiato. Il Nicaragua di oggi è infatti distinto e distante da quello di 17 anni fa.

Categorie: News

Taiwan e l’arma di Washington

Altrenotizie.org - Dom, 14/01/2024 - 15:42

Le elezioni presidenziali di sabato a Taiwan hanno rispettato l’esito previsto da tutti i sondaggi della vigilia, assegnando un terzo storico mandato consecutivo al Partito Progressista Democratico (DPP) indipendentista. Il successo del candidato alla presidenza, l’ex premier e attuale vice-presidente Lai Ching-te, prospetta quindi un altro periodo di tensioni con la Cina e consente agli Stati Uniti di continuare a disporre di uno strumento per fare pressioni su Pechino nel quadro della rivalità multidimensionale in atto in Estremo Oriente. L’affermazione del DPP ha avuto però dimensioni molto più ridotte rispetto alla precedente consultazione e indica un logoramento del consenso per le politiche di confronto con la madrepatria cinese, nonché uno spazio di manovra più ristretto per il presidente e il suo partito.

Categorie: News

Ecuador, la fine dello Stato

Altrenotizie.org - Mer, 10/01/2024 - 21:59

La violenza scatenatasi in Ecuador trova ampio risalto nelle reti informative e reazioni diffuse nelle Cancellerie latinoamericane. Tutte unanimi nel condannare la violenza delle bande narcos che seminano il terrore nel Paese, ma solo il Dipartimento di Stato USA propone la sua “assistenza” al governo dell'Ecuador.

La proposta ricorda con qualche brivido come vennero assistite Cile e Argentina, ma non è solo frutto del riflesso pavloviano dell’interventismo USA in America Latina, piuttosto cade ad hoc. In Ecuador, infatti, dall’Agosto del 2023 gli USA hanno avanzato un piano di intervento contenuto nel “Progetto di lotta alla delinquenza organizzata internazionale”.

Categorie: News

Francia, la “svolta” di Macron

Altrenotizie.org - Mer, 10/01/2024 - 18:55

La nomina del 34enne Gabriel Attal alla carica di primo ministro in Francia segna una nuova fase della presidenza Macron dopo l’implementazione forzata, nel corso del 2023, di due “riforme” profondamente impopolari, la prima delle pensioni e l’altra sul tema dell’immigrazione. La scelta del giovanissimo ex ministro è arrivata dopo un acceso scontro interno al governo e ai vertici della burocrazia d’oltralpe. Attal dovrebbe proiettare un’immagine di rinnovamento e modernità in vista delle elezioni europee del prossimo mese di giugno, con l’ex Fronte Nazionale che continua a essere il principale favorito. Concretamente, il neo-premier presiederà tuttavia a un’ulteriore sterzata verso destra dell’Eliseo, anche se dietro l’apparenza di un progressismo esclusivamente di facciata.

Categorie: News

Israele e il flop di Washington

Altrenotizie.org - Mar, 09/01/2024 - 21:12

Il quarto tour in Medio Oriente del segretario di Stato americano, Antony Blinken, dall’inizio dell’aggressione israeliana a Gaza si concluderà nuovamente senza una tregua permanente nonostante l’impegno pubblico del governo USA per una de-escalation nella striscia. Anche l’obiettivo di ridurre i pericoli di un allargamento del conflitto rischia di essere disatteso, con le tensioni tra lo stato ebraico e Hezbollah in Libano sempre più vicine al punto di rottura.

Il capo della diplomazia di Washington è arrivato domenica scorsa in Giordania e ha già visitato l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi e il Qatar, prima di approdare martedì in Israele. In tutte le tappe, Blinken ha ribadito come il suo paese intenda continuare ad adoperarsi per stabilizzare la situazione in Medio Oriente, ma un misto di impotenza, paura e duplicità ostacola il raggiungimento di una soluzione pacifica alla crisi in atto.

Alla base del fallimento di Blinken resta il fatto che gli USA sono essi stessi la causa principale dell’escalation di violenza nella regione. In primo luogo tramite il sostegno incondizionato a Israele. Le dichiarazioni pubbliche a favore della pace rimangono parole vuote di fronte alle azioni americane che permettono al regime sionista di continuare a massacrare la popolazione palestinese a Gaza.

Categorie: News

Genocidio a Gaza, Israele alla sbarra

Altrenotizie.org - Lun, 08/01/2024 - 21:02

Inizieranno questa settimana a L’Aia, in Olanda, le udienze sull’istanza presentata dal governo sudafricano contro Israele in merito al massacro in corso contro la popolazione palestinese a Gaza. I giudici della Corte Internazionale di Giustizia (CIG) delle Nazioni Unite dovranno stabilire se le azioni dello stato ebraico rientrano nella definizione di genocidio e, nel caso, se emettere un’ingiunzione teoricamente vincolante contro il governo di Tel Aviv per fermare la strage. Il caso si basa su solidissimi elementi di prova, facilmente documentabili grazie alle immagini, alle testimonianze dirette dei fatti e alle stesse numerose dichiarazioni auto-incriminanti di politici e militari israeliani.

Categorie: News

Obiettivo Teheran

Altrenotizie.org - Dom, 07/01/2024 - 18:03

Iran, Libano, Siria, Irak. Il Medioriente e il Golfo sono sotto gli attentati commessi da Israele e Stati Uniti, direttamente o per procura. Gli Stati Uniti dichiarano la loro estraneità o dicono che Israele non li aveva informati. Dunque la CIA, che dispone di enormi risorse e di un altissimo livello di penetrazione nelle istituzioni regionali e nella comunità diplomatica di quella parte del mondo, nonché di una rete di alleanze operative con vari Paesi, non vede e non sa nulla. Se così fosse, dovremmo prendere atto di un profondo cambiamento nella partita che i servizi segreti occidentali stanno giocando a sostegno di Israele e dei suoi interessi nella regione. Se così non fosse, significherebbe che gli Stati Uniti stanno provocando l'Iran di concerto con Israele e perseguono l'obiettivo di coinvolgerlo sempre di più nel conflitto israelo-palestinese.

Categorie: News

Israele, schiaffo a Netanyahu

Altrenotizie.org - Mar, 02/01/2024 - 10:36

Con la guerra a Gaza che rischia di trasformarsi in un pantano inestricabile, il primo ministro israeliano Netanyahu ha dovuto incassare all’inizio dell’anno una clamoroso umiliazione dalla Corte Suprema. Il più alto tribunale dello stato ebraico ha infatti annullato la prima e finora unica legge della “riforma” del sistema giudiziario di Israele approvata dalla maggioranza di ultra-destra che sostiene il governo di Tel Aviv.

Categorie: News

USA, il modello scaduto

Altrenotizie.org - Sab, 30/12/2023 - 23:18

Dopo il Colorado, anche il Maine ha dichiarato Donald Trump ineleggibile per le primarie del 2024. Ma in attesa della sentenza della Corte Suprema sull'eleggibilità di Trump, i problemi di Biden continuano senza sosta. Un sondaggio dell'Arab American Institute rivela che il sostegno degli arabi è crollato dal 59% al 17% e il New York Times ha pubblicato un sondaggio secondo cui due terzi degli americani criticano la Casa Bianca per il suo sostegno incondizionato allo Stato ebraico.

Può influire elettoralmente? In Michigan ci sono 300.000 elettori registrati di origine araba. Nel 2020 quasi 146.000 si sono recati alle urne e il 70% ha votato per Biden, che ha sconfitto Trump del 2,4%. Oggi il dato sarebbe ribaltato.

Poco importa che lo stesso Trump, ancora più legato a Israele, aumenti anziché diminuire il sostegno a Tel Aviv. Più importante nel voto popolare è la delusione per le aspettative tradite, e Biden porta con sé il tradimento delle promesse elettorali. La politica estera e quella interna dipingono un quadro fallimentare, e sotto accusa è soprattutto la cattiva gestione dell'economia, che ha visto una nuova stretta creditizia e un peggioramento degli indici socio-economici, laddove ci si sarebbe aspettati maggiore e migliore attenzione e passi avanti nella riduzione del divario sociale.

Categorie: News

Cuba, dove la CIA deportò bambini

Altrenotizie.org - Sab, 30/12/2023 - 12:12

Subito dopo la Rivoluzione Cubana settori della gerarchia ecclesiastica e laica della Chiesa Cattolica a Cuba si incontrarono con i leader di diverse organizzazioni controrivoluzionarie per pianificare e realizzare scioperi nelle scuole cattoliche e private. A Cuba la Chiesa controllava 132 scuole elementari, 48 scuole superiori, 33 scuole professionali, 22 scuole di segreteria, 4 scuole superiori e 3 scuole professionali, oltre alle Università cattoliche di Villanueva e Social de La Salle.

Nel dicembre 1959 fu approvata dal governo rivoluzionario la Legge di Riforma dell'Istruzione che garantiva la natura universale, laica, democratica e libera dell'istruzione e l'accesso ad essa per tutti i cittadini senza discriminazioni di alcun tipo. Ciò portò all’avvio di una feroce campagna di disinformazione da parte dei giornali reazionari Diario de La Marina, Prensa Libre e Avance, agenzie di stampa internazionali e radio come Voice of the United States of America e Radio Swan, all’epoca finanziata e diretta dalla CIA.

Categorie: News

Ucraina, la fine dei giochi

Altrenotizie.org - Ven, 29/12/2023 - 20:16

Con la fine dell’anno è arrivata una nuova raffica di commenti sui media ufficiali americani nei quali si discute di una possibile via d’uscita dal conflitto in Ucraina. La misura della disperazione del governo di Washington per l’andamento del conflitto si deduce facilmente dalle proposte illusorie che vengono avanzate e dalle premesse basate su un’interpretazione dei fatti completamente staccata dalla realtà. New York Times e Politico sono state tra le testate “mainstream” di maggiore rilievo a pubblicare articoli che segnalano il cambiamento del clima negli USA per le sorti del regime di Zelensky.

Categorie: News

Milosevic, una morte firmata TPI

Altrenotizie.org - Dom, 24/12/2023 - 18:17

Il 24 marzo 2016 la Corte Penale Internazionale per l’ex Jugoslavia nel totale silenzio mediatico, ha scagionato Slobodan Milosevic dalle responsabilità per i crimini di guerra della guerra serbo-bosniaca 1992-1995.Inizio modulo Erano passati dieci anni dal 15 marzo 2006, quando a Belgrado, davanti a 50.000 persone, si celebrava il funerale di Slobodan Milosevic, l’ex-leader della Serbia che fu al potere nel decennio del sanguinoso tracollo della Jugoslavia. Dieci anni fa i suoi fedelissimi in strada gridavano il loro atto di accusa contro il Tribunale Penale Internazionale dell’Aja, gli USA e l’Occidente imperialista che per anni definirono Milosevic il “macellaio dei Balcani”. 

Categorie: News

Trump: guaio in Colorado

Altrenotizie.org - Mer, 20/12/2023 - 21:17

Le circostanze senza precedenti che stanno agitando il panorama politico dell’America sembrano andare di passo con l’intensificarsi della crisi che attraversa la sua classe politica e un sistema che di democratico non ha quasi più nemmeno l’apparenza. Un’altra tappa di questa parabola discendente è la sentenza di martedì della Corte Suprema del Colorado che ha escluso l’ex presidente Trump dalle elezioni primarie del Partito Repubblicano in questo stato, programmate per il 5 marzo prossimo.

Il tribunale ha ribaltato un verdetto di un giudice distrettuale sulle responsabilità di Trump nell’attacco al Congresso del 6 gennaio 2021, basandosi su un’interpretazione differente del contenuto ambiguo della Sezione 3 del 14esimo Emendamento alla Costituzione americana. Questo dispositivo, risalente al periodo successivo alla Guerra Civile, vieta a coloro che hanno complottato per il rovesciamento del governo di assumere cariche pubbliche.

Categorie: News

USA-Israele, trappola nel Mar Rosso

Altrenotizie.org - Mar, 19/12/2023 - 20:57

Il governo americano continua a ostentare preoccupazione per l’andamento della guerra genocida di Israele a Gaza, sostenendo di adoperarsi per cercare una de-escalation della crisi e convincere il regime di Netanyahu a ridurre i bombardamenti indiscriminati che stanno facendo strage di civili palestinesi. Nel concreto, tuttavia, l’appoggio dell’amministrazione Biden allo stato ebraico resta fermissimo e si è addirittura concretizzato questa settimana nella creazione di una “task force” navale per contrastare la crescente minaccia, da parte del movimento yemenita Ansarallah (“Houthis”), alle rotte commerciali nel Mar Rosso che interessano Israele e non solo.

La dichiarazione ufficiale con cui lunedì dal Bahrein il segretario alla Difesa USA, Lloyd Austin, ha annunciato il lancio del nuovo progetto (“Operazione Guardiano della Prosperità”) ha fatto riferimento all’imperativo di salvaguardare la libertà di navigazione e i flussi commerciali globali. Isolando alcune frasi del comunicato del capo del Pentagono si potrebbe pensare che le attività da contrastare siano quelle criminali di Israele a Gaza. Secondo Austin, quando sta accadendo mette infatti in pericolo vite “innocenti e viola il diritto internazionale”. Si tratta perciò di una “sfida internazionale che richiede azioni collettive”.

Categorie: News

Putin e il suicidio finlandese

Altrenotizie.org - Lun, 18/12/2023 - 20:46

Le conseguenze potenzialmente rovinose dell’ingresso della Finlandia nella NATO circa otto mesi fa cominciano a emergere in tutta la loro problematicità in seguito all’approvazione, da parte del governo di Helsinki, di un accordo di cooperazione militare con gli Stati Uniti. A riassumere le implicazioni e i pericoli dell’adesione del paese nordico al Patto Atlantico è stato il presidente russo Putin in una recente intervista. Finlandia e Russia non hanno mai avuto questioni serie per le quali scontrarsi dal secondo dopoguerra, ma i “problemi” inizieranno a presentarsi nel prossimo futuro a causa delle scelte relative alla sicurezza del proprio paese fatte dalla classe politica finlandese.

Putin, intervistato domenica dal giornalista russo Pavel Zarubin, ha ricordato come le dispute precedenti con la Finlandia, incluse quelle di natura territoriale, siano state risolte da moltissimo tempo. Lo status di neutralità della Finlandia era inoltre garanzia di pace e stabilità lungo i quasi 1.300 km di frontiera tra i due paesi. Ora, però, ha aggiunto Putin, l’Occidente ha “trascinato la Finlandia nella NATO”, assumendosi la responsabilità delle conseguenze che ne deriveranno.

Categorie: News

UE, il balletto ucraino

Altrenotizie.org - Lun, 18/12/2023 - 13:21

Senza apparenti discordie, salvo quella dell’Ungheria, è stato deciso l’inizio della procedura per l’accesso di Kiev nell’Unione Europea. Restano programmate nei prossimi due anni quelle di altri candidati: Albania e Montenegro, Serbia e Macedonia del Nord, Bosnia Herzegovina, Moldova e Georgia, per finire con l’annosa questione turca, che resterà un pour parler.

Sembra quindi che l’Ucraina possa entrare nella UE dopo che, dal 2014, la UE era entrata in Ucraina. A coronamento di un sostegno politico in funzione anti russa sin dalla candidatura Timoshenko, l’UE decise infatti, in complicità con gli USA, di accelerare il piano di conflitto con Mosca. Lo fece svolgendo un ruolo importante per la cacciata del governo di Yanukovic con il colpo di stato, poi voltandosi dall’altra parte per 8 anni, quando l’artiglieria ucraina bersagliava il Donbass assassinando 15.000 persone e, infine, sostenendo in ogni modo il nazi-governo guidato da Zelensky.

Categorie: News

Pagine

Abbonamento a ANAIC- Circolo di Roma aggregatore - News